Brancaccio: “Affrontare la crisi con la deflazione salariale è devastante”

Il Mattino, 17 novembre 2020

Il lavoro si disperde mentre il capitale si centralizza. Intervista a Emiliano Brancaccio in occasione dell’uscita del suo nuovo libro: “Non sarà un pranzo di gala”, edito da Meltemi.

Dall’inizio della pandemia, circa 45000 addetti lavorano al Sud in “smart working” per le grandi imprese del Centro-Nord, una cifra che potrebbe superare le centomila unità considerando anche le piccole imprese. Tratto da una ricerca Svimez, il dato è un altro dei segni di stravolgimento del mondo del lavoro causati dalla pandemia. Di questa e delle altre rivoluzioni in corso nella geografia del lavoro discutiamo con l’economista Emiliano Brancaccio, in occasione dell’uscita del suo nuovo libro edito da Meltemi: “Non sarà un pranzo di gala”, con i testi dei suoi celebri dibattiti con Monti, Prodi, Blanchard e altri, e con varie sezioni dedicate ai grandi problemi dell’economia nell’era covid.

Professor Brancaccio, nel suo ultimo libro lei sostiene che la sfida della pandemia si può vincere solo con un recupero, in chiave moderna, del grande tema della pianificazione collettiva. In che senso?

Continua/Read more  

Brancaccio: “Per lottare contro il virus e contro la recessione serve una nuova logica di pianificazione collettiva”

Sputnik Italia, 15 novembre 2020

Quali saranno gli effetti del nuovo lockdown? E come si può uscire dal dilemma tra la lotta al virus e la difesa dell’economia? Ne abbiamo parlato con Emiliano Brancaccio, docente di politica economica presso l’Università del Sannio, in occasione dell’uscita del suo nuovo libro: “Non sarà un pranzo di gala. Crisi, catastrofe, rivoluzione” (Meltemi 2020).

Continua a leggere su Sputnik Italia

Brancaccio: “Il Parlamento cancelli i provvedimenti che vietano le manifestazioni di protesta”

MicroMega, 26 ottobre 2020

Intervista di Daniele Nalbone, con una postilla di Paolo Flores d’Arcais

Per l’economista di Unisannio le proteste di Napoli sono solo l’inizio: la crisi del Covid distrugge i vecchi equilibri sociali ed è destinata a scatenare un’onda caotica di rivendicazioni. Per scongiurare tentazioni repressive occorre mettere in chiaro che il diritto costituzionale di manifestare va posto allo stesso livello del diritto alla salute. Il suo appello: “Il parlamento blocchi immediatamente i provvedimenti nazionali e locali che limitano la libertà di manifestazione pubblica, e garantisca mezzi che consentano di esprimerla in tutti modi pacifici esistenti, dall’assemblea al corteo di strada. Se servono dispositivi sanitari in tal senso, che si adottino. Ma nessuno invochi più strette alla libertà di manifestare. Sulla tutela dell’articolo 17 della Costituzione e dei diritti ad esso collegati chiedo di aprire un dibattito che coinvolga gli esperti, le istituzioni e tutte le forze democratiche. Prima che sia tardi.”

Continua a leggere su MicroMega

 

INSIDE THE IMF “MEA CULPA”

 

PSL QUARTERLY REVIEW IS AN OPEN ACCESS JOURNAL: FREE DOWNLOAD!

Brancaccio E., De Cristofaro F. (2020). Inside the IMF “mea culpa”: A panel analysis on growth forecast errors and Keynesian multipliers in Europe, PSL Quarterly Review, 73 (294): 225-239.

ABSTRACT. The tests carried out by Blanchard and Leigh (2013; IMF, 2012) and Fátas and Summers (2018) are extended here into a panel framework in order to assess the empirical basis of the so-called IMF “mea culpa” regarding the underestimation of Keynesian multipliers during the euro area crisis. The objections put forward by the European Central Bank, the European Commission and other authors against the “underestimation” thesis are tested and refuted. The results support the “mea culpa” and highlight that the underestimation of multipliers can concern both the short and the long term.

JEL codes: E23, E27, E62
Keywords: GDP forecast errors, Keynesian multipliers, panel analysis

In the same PSL QR issue, see also Bank of Italy’s Governor Ignazio Visco on “economic growth and productivity”.